Home » Stati Uniti

Stati Uniti

VIVERE NEGLI STATI UNITI

Apprezzerai il Paese per la sua varietà di paesaggi e per la sua la cultura. La sua diversità si riflette nella sua società, nella sua geografia e anche nel suo clima.

Link Sponsorizzati


Scoprirai infatti che gli Stati Uniti sono tanto vari così come è vasta la sua popolazione, la sua geografia, e le sue differenze regionali. Degli oltre 315.500.000 di persone che attualmente vivono negli Stati Uniti, circa il 72% sono di origine europea e il 13% sono afro-americani. Tuttavia, sono i gruppi asiatici e ispanici (con il 5% e il 16% rispettivamente) che stanno crescendo più velocemente.

Link Sponsorizzati


Diversi ricercatori hanno stimato che la maggior parte delle persone che vivono negli Stati Uniti parlano una lingua diversa dall’inglese nelle loro case. Per gli espatriati provenienti da tutto il mondo, questo multiculturalismo può rendere la loro vita negli Stati Uniti più facile del previsto, in quanto le persone e le autorità hanno l’abitudine di trattare con gli stranieri quotidianamanente.

I locali

Gli Americani del nord sono generalmente socievoli, e cercano di fare sentire benvenuto ogni nuovo arrivato negli Stati Uniti. Ciò ha, in parte, a che fare con un diffuso senso di patriottismo tra gli Americani.

Anche se questo patriottismo non è cieco alle mancanze dei politici e alle carenze del governo, l’identificazione con il loro Paese e dei suoi valori tende ad essere alta tra i cittadini degli Stati Uniti, e sono pronti a impartire questi valori a tutti i nuovi arrivati.

Panoramica generale

Gli Stati Uniti sono una repubblica federale composta da 50 Stati. Il Presidente degli Stati Uniti, attualmente Barack Obama, è sia il capo di Stato, di governo e il comandante delle forze armate.

A livello federale, la popolazione è rappresentata dai membri del Congresso al Senato e alla Camera dei Rappresentanti. Ogni Stato degli Stati Uniti mantiene un sacco di autonomia, ha un proprio parlamento eletto ed è amministrato da un governatore. Ogni cittadino con diritto di voto può esercitare tale diritto a livello locale, statale e federale.

Nonostante gli Usa stiano sperimentando diverse battute d’arresto nel corso degli ultimi anni, a causa della crisi finanziaria del 2008, la gente negli Stati Uniti ancora gode dei benefici derivanti dal vivere in uno dei più grandi Paesi per importanza economica.

C’è una domanda ininterrotta di lavoratori altamente qualificati in molte grandi città del Paese, soprattutto nelle principali industrie high-tech e nei servizi di gestione dati.

Sanità

Gli Stati Uniti superano ogni graduatoria quando si tratta di ricerca medica e di disponibilità dei più moderni metodi di trattamento e strutture. Tuttavia, per la maggior parte delle persone nel Paese, nessuno di questi servizi sono di facile accesso.

La recente Affordable Care Act, si spera, contribuirà a rendere l’assistenza sanitaria più accessibile a tutti coloro che vivono negli Stati Uniti. Purtroppo, il Paese è ancora l’unico tra le Nazioni sviluppate a non offrire un piano globale di assistenza sanitaria nazionale ai suoi cittadini.

Ci sono solo due piani di salute pubblica, al momento: il Medicare per i pensionati e le persone con disabilità, e Medicaid per le persone povere.

Assicurazione sanitaria e Trasporti

L’assicurazione sanitaria per gli espatriati

La maggior parte dei dipendenti espatriati sfruttano i piani di assicurazione sanitaria offerta dal datore di lavoro. Essi possono essere estesi per coprire anche il coniuge o l’intera famiglia.

Di solito, vi è una scelta tra diversi pacchetti. Ad esempio, i piani con elevati contributi mensili permettono di pagare solo una quota bassa dei costi sostenuti per le cure mediche. Altri piani offrono bassi tassi mensili, ma i contributi personali per i trattamenti possono essere significativamente più alti.

Praticamente nessuna assicurazione offre una copertura del 100%. L’Agenzia di Ricerca Sanitaria e Qualità fornisce consulenza e orientamento nella scelta del piano di diritto. In aggiunta, ci sono due tipi di organizzazioni sanitarie, l’HMO (Health Maintenance Organization) e il PPO (Preferred Provider Organization): questi mantengono la loro propria rete di medici, e gli affiliati pagano una tariffa fissa mensile per ricevere cure gratuite.

Alcuni consigli per le spese sanitarie

Il costo giornaliero per un trattamento ospedaliero può essere molto elevato, e tutte le fatture derivanti da un trattamento di emergenza di solito deono essere pagate immediatamente. Se non è necessario un trattamento specialistico, esistono delle “walk-in cliniche” in farmacia o in alcune catene di supermercati che offrono una alternativa più economica e sempre più popolare per rivolgersi ai medici. Queste cliniche sono gestite da infermieri e assistenti medici e soprattutto forniscono un servizio veloce e affidabile.

Taxi e trasporti pubblici

I Nordamericani tendono a fare affidamento sulla loro auto per spostarsi. Con l’eccezione di alcune grandi città, il trasporto pubblico spesso non è sufficiente. Solo New York City e Washington DC hanno una vasta rete metropolitana e metropolitana leggera. Servizi pubblici più limitati operano in Boston, Chicago, Philadelphia e San Francisco.

Anche in queste città, però, le periferie remote sono spesso non collegate alla rete di trasporto pubblico. Nelle piccole città, l’unica alternativa alla guida di un auto è quella di prendere l’autobus o un taxi.

In alcune città, i taxi sono di un colore standard, come il famoso taxi giallo di New York City, ma in altri luoghi possono essere più difficili da individuare. I taxi devono sempre avere una licenza valida, ed è pratica comune lasciare una mancia all’autista.

Muoversi

Gli autobus sono utilizzati anche per i viaggi inter-city. Invece, i servizi ferroviari sono relativamente poco sviluppati, e di solito gestiti da società indipendenti.

Tuttavia, i servizi ferroviari di lunga distanza sono forniti dalla National Railroad Passenger Corporation, una società gestita dal governo conosciuta anche come Amtrak. Per i viaggi inter-statali, la maggior parte delle persone fanno uso della vasta e relativamente abbordabile rete di voli nazionali.

L’istruzione

L’istruzione è amministrata su tre livelli. L’US Department of Education opera a livello federale, ma cede efficacemente la principale autorità educativa ai vari Dipartimenti di Istruzione Statali. E questi possono devolvere gran parte dei loro poteri a enti locali o distrettuali.

La scuola è obbligatoria per tutti i bambini residenti negli Stati Uniti. La maggior parte di loro frequentano la scuola dall’età di 5 anni fino ai 18. I bambini più piccoli possono essere inviati alla scuola materna, ma il governo non sponsorizza strutture di questo tipo.

Sistema scolastico

Il sistema educativo è diviso in

  • scuola elementare ( dal grado 1 al grado 5 o 6)
  • scuola media o medi (fino al grado 8 o 9)
  • scuola superiore (fino al grado 12)

Dopo la scuola superiore si può andare al college, dove dopo quattro anni si ottiene la laurea.

Ci sono un certo numero di università molto prestigiose, in particolare le università della Ivy League come Harvard o Yale. Entrare in queste istituzioni è tuttavia difficile, vista l’alta domanda, e viste le rette abbastanza alte.

L’istruzione per i figli degli espatriati

Gli immigrati hanno la scelta di mandare i loro figli nelle scuole pubbliche (= statali) o presso le scuole private. I bambini sono liberi di frequentare le scuole pubbliche, ma data la mancanza di un piano di studi e di finanziamento a livello nazionale, gli standard possono variare notevolmente da regione a regione, o addirittura da scuola a scuola.

Prima di iscrivere i propri figli in una scuola pubblica locale, i genitori dovrebbero quindi raccogliere il numero più possibile di informazioni. Cercare su Internet e contattare il distretto scolastico locale sono un buon modo per iniziare.

Agenzie immobiliari offrono informazioni preziose. La maggior parte di queste possono fornire fascicoli circa un quartiere particolare al fine di assistere i potenziali clienti sulla loro decisione riguardo dove andare a vivere. Cercate inoltre di organizzare una visita alle scuole più vicine e parlare con alcuni membri del personale.

Trasferirsi negli USA

Per secoli, vivere negli Stati Uniti è stato un sogno condiviso da persone provenienti da tutto il mondo. Anche ora, dopo che il Paese ha perso parte della sua reputazione come la terra della libertà e delle opportunità illimitate, gli Stati Uniti emanano ancora fascino.

Ogni anno, migliaia di espatriati, imprenditori, investitori, imprenditori, avventurieri, lavoratori migranti e rifugiati arrivano negli Stati Uniti.

Dove Andare

C’è molto da esplorare: con una superficie totale di circa 9.820.000 chilometri quadrati, gli Stati Uniti comprendono parecchie zone climatiche differenti. La sua varietà di paesaggi varia da deserti, praterie e pianure alle montagne, foreste e laghi, e, naturalmente, il mare. Ma non è solo il paesaggio a cambiare se ci si sposta attraverso il Paese da nord a sud e da est a ovest. Cambiano anche le persone, i costumi, gli atteggiamenti e modi di parlare

A parte l’evidente gradiente urbano-rurale in termini di opportunità di business , non ci sono mete “tradizionali” per gli espatriati per trasferirsi negli Stati Uniti. Dove si finisce potrebbe dipendere da dove la vostra azienda vi manda, dal vostro tipo d qualifica o business, o semplicemente dalle proprie preferenze. Ricordate infine che si trovano comunità di espatriati e di immigrati in quasi tutte le grandi città e, ovunque tu vada, trasferirsi negli Stati Uniti si rivelerà sicuramente un’esperienza emozionante.

Clima e Condizioni Atmosferiche

Gran parte della metà occidentale dispone di un clima semiarido, intervallato da alcune zone climatiche alpine. Ma le zone costiere, come la California, godono di un clima mediterraneo.

Il nord-est del Paese è prevalentemente umido-continentale; se ci si sposta verso la parte meridionale, si incontra un clima subtropicale umido nella maggior parte degli Stati, finendo in un clima prettamente tropicale umido in Florida.

La maggior parte delle persone che si spostano verso gli Stati Uniti saranno consapevoli della possibilità di avere fenomeni climatici gravi, quali tornado e uragani durante i mesi estivi e bufere di neve in inverno. Questi a volte possono costituire gravi minacce, come è stato l’uragano Katrina nel 2005

Una volta negli USA, quindi, controllate le previsioni meteo regolarmente e prestate attenzione agli avvisi meteo emessi dalNational Weather Service.

Categorie di visto

Categorie Visa per non immigrati

Ai fini del visto, le autorità statunitensi distinguono due principali gruppi di persone che si spostano verso gli USA: gli immigrati e i non immigrati. Entrambi i gruppi sono divisi in diverse categorie, le più importanti delle quali saranno trattate qui di seguito.

Tutte le persone che entrano negli Stati Uniti per un determinato periodo di tempo limitato, senza l’intenzione di stabilirsi in modo permanente, rientrano nella categoria di visto non-immigrante. Le varie sotto-categorie si applicano ai diversi motivi per cui gli stranieri potrebbero essere in movimento verso gli Stati Uniti per un periodo di tempo limitato.

Professioni speciali (H 1B)

Questo visto è per le persone che vogliono lavorare in una professione specifica, sono coinvolti nel Dipartimento della Difesa in progetti di ricerca o di sviluppo cooperativo, o sono modelli di moda di fama internazionale.

Come requisito generale, i candidati devono avere una laurea o un equivalente internazionale (di solito quattro anni di studio presso un istituto di istruzione superiore) prima di trasferirsi negli Stati Uniti. Il numero di visti disponibili in questa categoria è limitato a circa 65.000 per anno, e la durata massima del soggiorno è inizialmente limitata a tre anni.

Dirigenti e Manager (L1A / B)

Le persone che fanno domanda per questo visto devono aver lavorato per il loro datore di lavoro per un anno continuo nei tre anni che precedono la concessione del visto. I dipendenti possono inizialmente essere trasferiti per un anno al fine di istituire un ufficio negli Stati Uniti o per tre anni nel caso in cui si debba lavorare in un ufficio già esistente.

Espatriati con abilità speciali (O1)

Questo visto è destinato a coloro che hanno raggiunto fama, riconoscimento e distinzione nazionale ed internazionale. Questo vale soprattutto per i campi della scienza, istruzione, affari, sport, arte, cinema o l’industria televisiva. Il visto O1 è progettato per gli espatriati che vogliono lavorare negli Stati Uniti per un periodo massimo di tre anni.

Trattato Traders (e dipendenti) (E 1)

I candidati devono essere cittadini di un Paese con cui gli Stati Uniti mantengono un trattato di commercio e di navigazione e devono avere un business sostanziale con gli Stati Uniti.

Questo visto è molto popolare con le aziende e le imprese indipendenti, in quanto non vi è alcun limite al numero di estensioni concesse.

I membri della famiglia del richiedente sono autorizzati a lavorare negli Stati Uniti, senza domanda di visto separata. Un elenco dei Paesi convenzionati si può trovare sul sito web dell’Ufficio per gli affari consolari.

Altre categorie di Visto

Il visto d’immigrazione probabilmente più conosciuto è la tanto ambita Green Card o, come viene ufficialmente chiamata, il programma Diversity Visa Immigrant. Per ulteriori informazioni sulla Green Card, si prega di consultare il sito in questione, che è fornito dall’Ufficio degli Affari consolari.

Ci sono cinque categorie privilegiate per l’immigrazione su base occupativa, che vanno dall’EB 1 all’EB 5. Il tuo futuro datore di lavoro degli Stati Uniti dovrà provare che non vi sono sufficienti lavoratori qualificati degli Stati Uniti a disposizione per riempire una posizione particolare. I vostri datori di lavoro devono anche dimostrare che, con l’assunzione di un lavoratore straniero, non mettono in pericolo i salari e le condizioni di lavoro dei lavoratori degli Stati Uniti in posizioni analoghe.

Investitori stranieri (EB 5), dirigenti o responsabili di multinazionali, nonché professori eccezionali, ricercatori, o persone con notevoli risultati in un determinato campo (EB 1) sono esenti da questa regola.

Visitatori temporanei

I visitatori temporanei per le imprese devono richiedere un visto di tipo B 1, al fine di svolgere attività di natura commerciale o professionale per un periodo di fino a sei mesi. I cittadini di un Paese che partecipa al Visa Waiver Program sono esenti da questo tipo di visto. Un elenco di questi Paesi e ulteriori informazioni sul programma VWP sono disponibili sul relativo sito Travel.State.Gov.

L’Electronic System for Travel Authorization richiede a tutti di registrarsi prima del loro arrivo negli Stati Uniti, che può essere fatto sulla homepage ESTA tramite il Department of Homeland Security. Al fine di qualificarsi per l’ingresso nell’ambito del VWP, ogni viaggiatore (inclusi i bambini) deve presentare un passaporto a lettura ottica valido o, per i cittadini di alcuni Paesi, un passaporto elettronico

Domande per il visto e alloggio

Visa Application Process

Le fasi iniziali sono spesso gestite dal datore di lavoro. A seconda della categoria di visto, i datori di lavoro potrebbero dover ottenere un certificato di lavoro approvato dalla US Department of Labor. Nella maggior parte dei casi, essi devono anche presentare una petizione a nome del richiedente con il dipartimento americano per la cittadinanza e per i servizi Immigrazione.

I visti per gli immigrati vengono poi elaborati dal National Visa Center. I candidati per i visti non-immigrati sosterranno un colloquio personale alla ambasciata o consolato a loro più vicini. Alcuni documenti sono necessari per il colloquio: un passaporto valido, due fotografie formato tessera, e un modulo compilato DS-160 (Online non-Immigrant Visa Application).

La maggior parte delle categorie di visti contengono visti paralleli per i familiari; questi ultimi devono applicare separatamente se vogliono lavorare negli Stati Uniti. A differenza di altri Paesi di lingua inglese, la conoscenza della lingua inglese non è un requisito formale per ottenere un visto statunitense. Infatti, l’inglese non è mai stata proclamato come lingua ufficiale degli Stati Uniti d’America.

Alloggio

Non c’è carenza di abitazioni negli Stati Uniti. I tipi di alloggio comprendono di tutto: case singole nelle piccole città o nelle aree suburbane di quelle più grandi, e appartamenti o condomini nelle aree urbane.

Alcuni condomini sono cooperative, vale a dire i proprietari sono azionisti di una società che possiede l’edificio e i giardini. Molti espatriati preferiscono acquistare piuttosto che affittare se hanno in programma di rimanere nel Paese per diversi anni. L’acquisto di proprietà immobiliari negli Stati Uniti è molto semplice, anche per i cittadini stranieri. E’, tuttavia, consigliato rivolgersi ai servizi di un avvocato.

Cercare alloggio

La fonte migliore riguardo la ricerca di un alloggio statunitense è Internet. Siti come il Multiple Listing Service e la National Association of Realtors offrono uno strumento di ricerca di alloggi e di agenti immobiliari a livello nazionale, più altre utili informazioni.

Un buon agente immobiliare dovrebbe essere in grado di fornire informazioni dettagliate, non solo sull’immobile, ma anche su il quartiere, le scuole locali, e la comunità residenziale.

Lavorare negli Usa

Lavorare negli Stati Uniti può essere diverso rispetto al concetto di lavoro a cui siete abituati nel vostro Paese. Le condizioni di lavoro possono sembrare dure rispetto ad alcune Nazioni europee, e gli atteggiamenti generali e i valori dei dipendenti potrebbero essere dissimili da quelli prevalenti in altre culture.

Il posto di lavoro negli USA può essere altamente competitivo, con decisioni che vengono prese a livello esecutivo senza aver fatto molte consultazione tra i dipendenti. D’altra parte, il vecchio cliché di lavorare negli USA risuona ancora vero in una certa misura. I dipendenti possono infatti farsi strada nella carriera lavorando bene, mostrando iniziativa e motivazione.

Valori d’Impresa

Negli Stati Uniti, è comune per le persone, anche in posti di lavoro semplici e a bassa retribuzione, mettersi d’impegno e provare orgoglio per il proprio lavoro. La mobilità è anche un aspetto importante, soprattutto per le persone che vogliono andare avanti. I dipendenti e gli imprenditori quasi sempre dicono di si ad una nuova opportunità di carriera, anche se questo significa trasferirsi altrove.

Un numero considerevole di aziende e uomini d’affari assumono responsabilità sociali anche verso il volontariato, le organizzazioni di beneficenza, fondazioni filantropiche e attività di raccolta fondi. Queste sono pratiche sia comuni che apprezzate. Data la permeabilità della rete di sicurezza sociale, la società statunitense si basa molto su questi valori.
Condizioni di lavoro

Ci sono alcune linee guida generali valide per la maggior parte dei dipendenti negli Stati Uniti. Una settimana lavorativa media dispone di 40 ore, anche se il lavoro straordinario degli Stati Uniti è comune e spesso previsto. Il numero minimo di ferie retribuite è pari a dieci giorni all’anno, i congedi di malattia a sette giorni. Non c’è di maternità o paternità, ma i genitori di un bambino appena nato hanno diritto a 12 settimane di congedo non retribuito.

Cercare lavoro e previdenza sociale

Ottenere un lavoro

Ottenere un lavoro negli Stati Uniti può essere difficile per le persone che non hanno la fortuna di avere già un visto e permesso di lavoro, dato che i costi necessari per la presentazione delle domande per i lavoratori internazionali sono alti per i potenziali datori di lavoro. Ricordate che è illegale andare negli Stati Uniti con un visto turistico, al fine di cercare lavoro, poiché che i visti di lavoro devono essere sempre applicati nel Paese di originedel lavoratore.

Le persone che sono alla ricerca di un posto di lavoro negli Stati Uniti dall’estero dovrebbe controllare la sezione on line dedicata al mercato del lavoro dei maggiori quotidiani americani: il New York Times o l’International Herald Tribune, Los Angeles Times, USA Today, The Wall Street Journal, Financial Times e The Washington Post. Inoltre, i vari portali di lavoro online sono abbondanti, e forniscono una risorsa preziosa.

Previdenza sociale

Ognuno che lavora negli Stati Uniti ha bisogno di una carta di previdenza sociale che mostra il proprio numero di individuale. Gli immigrati possono richiederne uno quando applicano per il visto. I “non-immigrati” possono presentare la domanda on-line dieci giorni dopo il loro arrivo negli Stati Uniti.

Per ulteriori ricerche fate riferimento alle informazioni su come ottenere un numero di previdenza sociale sul sito delDipartimento USA Cittadini Stranieri per la sicurezza sociale. La sicurezza sociale negli Stati Uniti si compone di prestazioni pensionistiche, sussidi per i militari e per l’invalidità. Essa viene finanziato con un contributo del 6,2% da parte di ogni stipendio dei lavoratori.

Pensione

Le persone con almeno 67 anni o più e che hanno versato contributi previdenziali per almeno cinque anni beneficiano di una pensione statale. L’ammissibilità dipende dalla durata dei loro contributi previdenziali e dalla quantità di denaro che hanno contribuito.

Solitamente, le prestazioni pensionistiche non sono sufficienti a mantenere il tenore di vita precedente. Pertanto la maggior parte delle persone o prende accordi pensionistici individuali (alcuni dei quali possono parzialmente essere sostenuti da parte del governo), o paga un fondo pensione aziendale fornito dal datore di lavoro.

Questi fondi sono regolati dalla legge Employee Retirement Income Security (ERISA).

Accordi di previdenza sociale

Gli USA hanno accordi internazionali di sicurezza sociale con i seguenti Paesi:

  • Australia
  • Austria
  • Belgio
  • Canada
  • Cile
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Finlandia
  • Francia
  • Germania
  • Grecia
  • Irlanda
  • Italia
  • Giappone
  • Lussemburgo
  • Paesi Bassi
  • Norvegia
  • Polonia
  • Portogallo
  • Spagna
  • Corea del Sud
  • Svezia
  • Svizzera
  • Regno Unito

Questi accordi di solito regolano la gestione dei contributi pensionistici tra i Paesi in questione, e possono differire da Paese a Paese.

Fiscalità e Business Etiquette

Tassazione

Il prelievo fiscale sul reddito è relativamente basso per le persone che lavorano negli Stati Uniti, anche se è dovuto sia a livello federale che statale. Come regola generale, gli stranieri residenti – vale a dire i cittadini stranieri che vivono e lavorano negli Stati Uniti su base permanente – sono tassati come i cittadini americani e basta (niente doppia tassazione).

Invece, gli stranieri non residenti che vivono e lavorano negli Stati Uniti per meno di 183 giorni l’anno sono tassati solamente sui redditi che provengono da fonti statunitensi.

Business Etiquette

Gli Americani sono noti per essere più diretti rispetto ad altri uomini d’affari di altri Paesi di lingua inglese, specialmente i Britannici. Ciò non significa affatto che la maleducazione è accettabile, naturalmente. Ciò, tuttavia, significa che nel mondo degli affari, in particolare a livello esecutivo, viene concesso un tempo relativamente breve alle lunghe introduzioni e conversazioni.

Detto questo, lo stile del business è spesso informale, e colleghi e soci in affari spesso si rivolgono all’altro con il semplice nome di battesimo molto presto. Eventuali regali non sono comuni negli Stati Uniti: possono essere ricevuti con sospetto perché potrebbero essere fraintesi come tentativi di corruzione

Le donne sono, almeno nominalmente, in condizioni di parità con gli uomini. Mentre la maggior parte delle posizioni manageriali e dirigenziali sono ancora occupate da uomini, le donne sono fortemente presenti nel middle management e nei consigli di amministrazione. Così, gli uomini d’affari stranieri provenienti da una cultura diversa non dovrebbero essere sorpresi se la loro controparte americana di negoziazione si rivelasse essere una donna.

Eccessive smancerie fuori luogo, ma gesti tradizionali di cortesia tra uomini e donne (ad esempio, aprire per primi la porta per la donna) sono accettabili.

Socializzare non è un aspetto importante della cultura d’impresa degli Stati Uniti. In generale, il duro lavoro è previsto e il successo è adeguatamente ricompensato, così come la concorrenza, in particolare per posizioni manageriali, è feroce.

Guidare negli Stati Uniti

Sentire il vento tra i capelli mentre mentre si spinge l’acceleratore lungo la Route 66, fa parte del sogno americano. E gli Americani sono un popolo amante dell’auto, che sono parte integrante della cultura americana.

L’uso della vettura è molto elevato, e la maggior parte delle famiglie della classe media ha almeno un veicolo per adulto.

Molte comunità residenziali si materializzano al di fuori delle aree urbane, rendendo la guida necessaria. Allo stesso modo, i centri commerciali raramente si trovano a pochi passi da zone residenziali.

Non è raro per gli americani fare i pendolari per più di un’ora sia il mattino che la sera. E’ anche del tutto normale, per gli americani, andare in vacanza scegliendo di guidare in autostrada. Non dovrebbe pertanto suscitare nessuna sorpresa quando si afferma che gli Stati Uniti hanno un sistema stradale molto ben strutturato, con un totale di 6,5 milioni di km, che di fatti lo rende il Paese con il maggior numero di strade in tutto il mondo.

Infrastrutture stradali negli Stati Uniti

Gli Stati Uniti sono uno dei pochi Paesi al mondo che non utilizzano il sistema metrico. Pertanto distanze, limiti di velocità, ecc, sono misurate in miglia all’ora (mph). Cercate di tenere questo in mente durante la guida negli Stati Uniti.

Poiché l’America è un grande Paese, le distanze sono percepite in modo diverso. Ad esempio, un Europeo del Portogallo può considerare un viaggio senza fine il guidare da Porto a Faro (556 km), mentre per un americano questa distanza non è nemmeno l’intera lunghezza dello Stato della Florida (circa 720 km). Di conseguenza, le autostrade si rivolgono a persone che guidano lunghe distanze con molti punti di ristoro lungo la strada, che offre non solo i servizi igienici e stazioni di servizio, ma anche aree pic-nic, ristoranti e alberghi.

Ottenere la patente negli Stati Uniti

Il codice della strada varia da Stato a Stato, il che rende difficile definire un insieme di regole comuni.

Nella maggior parte degli Stati, si devono avere 16 anni di età per poter guidare legalmente.

Avete il diritto di guidare negli Stati Uniti per un anno con una patente straniera, a condizione che la licenza provenga da un Paese che fa parte della Convenzione delle Nazioni Unite sulla circolazione stradale, e che sia scritto in inglese. Altrimenti, dovrete avere con voi un permesso di guida internazionale e portarlo sempre assieme alla patente di guida originale. Tuttavia, una volta che avete stabilito la residenza in uno Stato degli Stati Uniti, di solito si hanno 30-60 giorni di tempo per trasformare la licenza straniera in una americana. Anche se non avete intenzione di guidare, molto spesso, è una scelta saggia quella di chiedere una patente statunitense, in quanto viene utilizzata non solo per scopi di guida, ma anche come mezzo generale di identificazione.

Chiedere una patente americana non è molto difficile. Hai semplicemente bisogno di portare la patente originale, il passaporto, il numero di previdenza sociale, la prova di residenza nello Stato in oggetto e una fototessera in un ufficio della motorizzazione locale, e fare in seguito un test scritto per dimostrare la vostra conoscenza dei segnali stradali di quello Stato. Per studiare per questo test vi è un “manuale di guida”, che è disponibile online sulla maggior parte dei siti web delle motorizzazioni statali. In alcuni Stati è possibile che vi venga richiesto di fare anche un esame di guida.

Regole di guida

Sebbene variabile, il limite generale di velocità sulle autostrade negli Stati Uniti è di 65 mph. I limiti di velocità all’interno delle città si differenziano a seconda della zona e del tipo di strada. L’approccio migliore per stare lontano dalle multe, che poliziotti sembrano distribuire spietatamente negli Stati Uniti, è di tenere gli occhi aperti sui segnali concernenti tali limiti.

Le cinture di sicurezza sono obbligatorie per i conducenti e passeggeri dei sedili anteriori; alcuni Stati richiedono a tutti i passeggeri di indossare le cinture di sicurezza. Neonati e bambini piccoli non sono autorizzati a sedersi sul sedile anteriore a causa del pericolo di soffocamento da airbag. La maggior parte degli Stati non consentono bambini al di sotto dei 12 anni di sedersi sul sedile anteriore e richiedono l’utilizzo di supporti appropriati o cinture di sicurezza corrette.

La regola generale da osservare, quando si viene richiamati da un poliziotto, è quella di guidare al lato della strada, spegnere il motore e mettere entrambe le mani visibilmente sul volante di fronte a voi. Non provate a prendere la patente o tentare di uscire dalla macchina prima che sia il tutore della forza dell’ordine a dirverlo.

Il limite legale di alcolemia consentito alla guida è dello 0,8 ‰ in tutti i 50 Stati. Nella maggior parte degli Stati è anche illegale avere eventuali contenitori aperti di alcol nel veicolo, durante la guida. Se si trovano bottiglie aperte di alcol in auto, l’ufficiale di polizia ha il diritto di costringere il conducente a fare un test etilometro.

La pena per essere stato condannato per guida sotto l’effetto dell’alcool puo’ iniziare con una pesante decurtazione dei punti sulla patente, una pesante multa che va da $ 500 e $ 1000 per le prime condanne, fino all’obbligo del servizio alla comunità, il carcere, e nella maggior parte degli Stati, una sospensione della patente per un minimo di tre mesi. Come accennato prima, le leggi variano da Stato.

Immatricolazione dei veicoli negli Stati Uniti

Come avrete già notato, il Dipartimento di veicoli a motore è molto importante negli Stati membri. Non solo il DMV è responsabile della gestione delle patenti di guida, ma anche per la registrazione delle auto e del rilascio targhe. Anche in questo caso, l’immatricolazione del veicolo varia da Stato a Stato, ma di solito è necessario portare la seguente documentazione al DMV:

  • patente di guida valida
  • prova di di acquisto dell’auto
  • tassa di iscrizione (reperibile sul sito web del DMV dello Stato in questione)

L’auto è ufficialmente registrata una volta che si riceve una targa, che è necessaria apporre sul retro (in alcuni Stati verso la parte posteriore e anteriore) della vostra auto. Un adesivo che indica quando la registrazione scade (in genere dopo uno o due anni) è posto sulla targa. La registrazione di solito può essere rinnovata on line.

Veicoli di importazione e loro assicurazione

Se siete interessati a importare la vostra auto in America, è necessario essere a conoscenza delle norme doganali. In primo luogo, le automobili importate devono essere conformi sia alla Environmental Protection Agency (EPA) sia ai requisiti del Dipartimento dei Trasporti (DOT). A causa del costo elevato ncessario per conformarsi a questi criteri, può essere più facile l’acquisto di un’auto direttamente negli Stati Uniti, specialmente se avete intenzione di rimanere a lungo.

A proposito dell’acquisto di una vettura, il sito Kelley Blue Book è una buona fonte per la ricerca di auto nuove e usate in tutto il Paese. E’ anche una risorsa affidabile per capire il giusto prezzo dei veicoli sia nuovi che usati, e dispone di opinioni dei consumatori per aiutarvi a confrontare i diversi tipi di vetture.

L’assicurazione auto è obbligatoria, e il settore assicurativo è di conseguenza enorme, rendendo la selezione un processo piuttosto difficile. Il modo migliore e più semplice per scoprire quale tipo di assicurazione auto si adatti voi è quello di ottenere un preventivo gratuito da uno dei giganti di assicurazione on-line: GEICO, Allstate, e Progressive sono tre delle più famose compagnie di assicurazione auto, e tutte offrono preventivi gratuiti. Il costo di assicurazione auto è influenzato da diversi fattori, ad esempio l’età. Per fare un esempio, i maschi tra i 16 e i 24 anni hanno il più alto tasso di assicurazione auto a causa del fatto che hanno anche il più alto tasso di incidenti. Se avete intenzione di assicurare un auto in leasing, la tassa aumenta ancora di più.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione - senza modificare le impostazioni del browser - accetti di ricevere i cookie. Se non desideri ricevere i cookie, modifica le impostazioni del tuo browser, ma sappi che alcuni servizi non funzioneranno correttamente. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close