Home » Qatar

Qatar

Vivere in in Qatar

Link Sponsorizzati


La maggior parte degli espatriati che vivono in Qatar si stabiliscono a Doha, la capitale del Paese e il suo più importante centro finanziario. Oltre a Doha, gli espatriati di solito risiedono in altre città, come ad esempio Mesaieed, Dukhan o Ras Laffan Industrial City, città conosciute per i servizi commerciali e per l’industria petrolchimica. Il settore petrolchimico, in particolare, offre molte opportunità di lavoro ed è quindi una delle principali destinazioni per gli espatriati in Qatar.

Link Sponsorizzati


Il Paese è diviso in 7 distretti. La vita tradizionale coesiste con un’economia globalizzata e una architettura moderna. Infatti il governo del Qatar investe per avere tecnologie all’avanguardia ma incoraggia anche la sua gente a mantenere il loro patrimonio culturale.

Il sistema educativo

Si può rimanere sorpresi nello scoprire che l’istruzione formale è stata introdotta solamennte nel 1950. Ma, da allora, il sistema di istruzione è notevolmente migliorato, offrendo istruzione pubblica in tutto il Paese. Tuttavia, proprio come la vita in Qatar in generale, l’educazione si basa su radici islamiche. Questo si riflette nella rigorosa segregazione di genere nelle scuole pubbliche e nelle università.

Ad ogni modo, il governo ha anche iniziato a introdurre riforme e a sviluppare nuovi piani di studio e programmi educativi per aiutare gli studenti a tenere il passo con le sfide di un’economia globalizzata.

I figli di espatriati tendono a frequentare le scuole internazionali private. La maggior parte di queste sono state istituite solo di recente, e si trovano a Doha.

Le scuole private sono gratuite solo per i cittadini che vivono in Qatar e per tutti coloro i quali sono idonei all’istruzione pubblica. Attualmente, ci sono 137 scuole e asili indipendenti, che offrono programmi in arabo e in inglese.

L’universita’

Università del Qatar è situata alla periferia nord-orientale di Doha. Il campus è diviso in sezioni per studenti e studentesse. Ognuna di queste sezioni ha proprie aule, laboratori e altre strutture. Fondata nel 1973, l’università offre una vasta gamma di programmi accademici.

Ma, ben sei università americane hanno sedi in Qatar, offrendo diversi programmi educativi sia ai cittadini dello Stato che agli stranieri.

Il Sistema Sanitario

Il Consiglio Supremo della Salute è responsabile del sistema sanitario, supervisiona le strutture mediche e attua le riforme. Un sistema sanitario pubblico è stato introdotto nel 1954, ma solamente nel 1978 e’ stato sviluppato un progetto globale. Il governo ha iniziato infatti a creare ospedali e strutture moderne in tutto il Paese, offrendo servizi di odontoiatria, cura per la gravidanza, vaccinazioni ed educazione sanitaria.

Senza ombra di dubbio, nel corso degli ultimi 20 anni, le riforme hanno modernizzato il sistema sanitario del Qatar. Ancora, i centri sanitari hanno aperto in tutto il Paese, fornendo diversi tipi di terapia e trattamento, compresa l’oncologia e i servizi psichiatrici. Ma, purtroppo, il sistema sanitario del Qatar soffre ancora di molta burocrazia inutile.

Ad ogni modo, per via dei suoi molti espatriati, il Qatar offre anche un sacco di cliniche private con personale internazionale. Quindi, anche se l’assistenza sanitaria pubblica è relativamente a buon mercato, potrebbe avere più senso, per gli espatriati, acquistare l’assicurazione sanitaria privata, evitando la burocrazia snervante del settore della sanità pubblica.

La tessera sanitaria

Attualmente, i residenti devono pagare per la sanità pubblica. Tuttavia, i costi sono bassi, in quanto il settore è fortemente sovvenzionato. Una semplice visita in una clinica in Qatar, per un trattamento primario, costa circa 30 QR (8 $). Chi acquista una tessera sanitaria, invece, non deve pagare nulla, dato che le commissioni della carta sanitaria coprono le spese di un anno. Solo le consultazioni e i pernottamenti in ospedale hanno un costo extra.

Per acquistare una tessera sanitaria, i residenti hanno bisogno di visitare l’ufficio dedicato per tessera sanitaria presso la clinica locale, o al Rumeillah Hospital, portando i seguenti documenti:

  • Copia del passaporto e del visto
  • Due fotografie (4 x 3 cm)
  • Ricevuta della tassa per poter presentare la domanda
  • Modulo di domanda compilato

Il modulo di domanda deve essere compilato in arabo e in Inglese. La scheda sarà disponibile entro due settimane e può essere rinnovata presso l’ufficio postale. Si tratta di un processo relativamente semplice. Tutto ciò che gli espatriati devono fornire è la loro tessera sanitaria scaduta e pagare una commissione di 100 QR.

Acquisto di immobili

Dal 2004, gli stranieri possono acquistare proprietà in aree designate del Qatar, in particolare nelle zone di The Pearl, di West Bay di Lagoon e di Al Khor. Purtroppo, è quasi impossibile fornire informazioni affidabili sulle costo di proprietà e sugli affitti, in quanto sono spesso oggetto di gravi fluttuazioni. Negli ultimi anni, i prezzi sono a volte saliti e scesi del 50% nel giro di poche settimane.

Trovare un alloggio

E’ meglio affidarvi ad agenti immobiliari professionali come le agenzie Barwa o Mirage per aiutarvi a trovare case in affitto o da comprare. I loro dipendenti sono soliti parlare un fluente inglese e possono aiutarvi a negoziare prezzi e anche il costo delle riparazioni. Ovviamente coloro i quali sono fluenti in lingua araba possono provare a trovare un alloggio per conto proprio, controllando le sezioni specifiche dei giornali locali.

La maggior parte degli appartamenti in affitto si trovano in residence, che possono variare nelle dimensioni: da poche case fino a raggiungere l’ampiezza di un piccolo villaggio. Spesso hanno la propria sicurezza, campi da tennis, piscine e altre strutture.

Preparatevi a sborsare un cospiquo deposito. Cio’ riguardo le utenze; vi sarà addebitata infatti una stima mensile fino alla prima lettura del contatore. Il consumo di energia è molto alto, dato che i condizionatori d’aria richiedono enormi quantità di energia elettrica. Tenete quindi d’occhio i contatori per evitare spiacevoli sorprese!

Trasferirsi in Qatar

Le persone che si trasferiscono in Qatar sperimenteranno una Nazione indipendente e moderna sul Golfo Persico, con belle spiagge e un paesaggio desertico mozzafiato. La cultura araba e la tradizione religiosa sono ancora prevalenti nella vita di ogni giorno, offrendo alla maggior parte degli stranieri un interessante contrasto con la loro patria natale.

Situato all’estremità orientale della penisola arabica, il Qatar ha una popolazione di circa 1,9 milioni di persone, il 70% delle quali vive nella capitale. La comunità di espatriati costituisce una parte importante della popolazione.

In estate, le temperature possono salire fino a 50 °C, rendendo la vita per le strade veramente insopportabile. Fortunatamente, gli edifici pubblici, i centri commerciali, gli alberghi e gli impianti sportivi al coperto sono tutti dotati di aria condizionata.

Economia del Qatar

Gli espatriati spesso trovano lavoro nelle industrie petrolchimiche, nonché nel settore del gas e del petrolio. Dopo tutto, i ricavi provenienti dal petrolio e dal gas contribuiscono per oltre il 50% del PIL, e fanno del Qatar uno dei Paesi con il più alto reddito pro capite del mondo.

Ad ogni modo, il governo sta intelligentemente cercando di investire anche in settori non energetici. Tuttavia, con le sue vaste riserve petrolifere, per i decenni a venire il settore energetico sarà sempre il fulcro principale dell’economia del Paese.

L’alto PIL del Qatar e la sua piccola popolazione consentono al Paese di finanziare i programmi di assicurazione sociale senza richiedere eventuali contributi finanziari ai suoi cittadini. Purtroppo, gli stranieri non godono di questo beneficio, e devono fare affidamento su prestazioni aziendali o su assicurazioni private.

Il sistema politico

Gli stranieri provenienti dai Paesi occidentali a volte sono sorpresi di incontrare un sistema politico molto diverso da quello a cui sono abituati. Il Qatar è una monarchia assoluta. Il potere attualmente è in mano alla Famiglia Al Thani, ed è trasmesso a un erede maschio dopo aver consultato tutti i membri della famiglia regnante.

Il sistema giuridico del Paese si basa su codici di legge islamica e civile. Tuttavia, rispetto ad altri Paesi arabi, gli estranei in Qatar scopriranno che questa Nazione sia relativamente liberale. Un buon esempio è la vendita di alcolici, che – anche se vietato dalla legge Shari’a – è stato tollerato dal 1995, anche se solo in quantità limitate.

Muoversi in Qatar

In Qatar, il trasporto pubblico è ancora relativamente nuovo e piuttosto limitato. Gli autobus coprono circa 35 rotte, offrendo ai passeggeri un modo economico di trasporto pubblico.

La maggior parte degli espatriati in Qatar, però, preferiscono utilizzare la propria auto. Questo significa che non c’è bisogno di aspettare sotto il sole cocente.

Sebbene le auto a noleggio siano relativamente a buon mercato e facilmente disponibili, la guida in Qatar è un po’ un’avventura. Ciò è particolarmente vero se si è abituati a condizioni di traffico più moderate. Anche se il governo del Qatar sta cercando di implementare regole del traffico più severe, gli incidenti restano comunque molto comuni.

Coloro che preferiscono non gettarsi nel traffico folle del Paese spesso utilizzano i taxi come alternativa popolare. E’ quindi consigliabile costruire un rapporto personale con alcuni buoni tassisti poco dopo essersi trasferiti in Qatar, che saranno lieti di consegnare il loro numero e prendervi quando necessario.

Requisiti di visto

Quelli che entrano nel paese via Qatar Airways possono essere in grado di ricevere un visto turistico di 14 giorni all’arrivo in aeroporto. Questo vale per i turisti provenienti da oltre 33 Paesi, tra cui Stati Uniti, Canada, Germania e Islanda. Tuttavia, per la maggior parte espatriati che si muovono in Qatar, un visto turistico non è sufficiente.

Visto Lavorativo

Il visto per affari è direttamente organizzato dalla società del Qatar che ha interesse ad incontrarvi; è valido per due settimane e può essere prorogato per altre due.

Se invece vi state trasferendo per un lavoro stabile, prima di entrare nel Paese, ricordatevi di avere una copia in inglese autenticata del vostro casellario giudiziario. Di solito è il datore di lavoro in Qatar che si organizza per farvi ottenere il visto di lavoro e permesso di soggiorno. Prima che un visto sia approvato deve essere rivisto dal Ministero degli Interni.

Visto di uscita

Tutti espatriati hanno bisogno di un visto di uscita prima di lasciare il Qatar. Hanno bisogno il permesso dello sponsor, e talvolta anche di un garante addizionale che accetta di rimborsare tutti gli eventuali debiti lasciati in sospeso, se necessario.

Il governo del Qatar offre un servizio online per presentare tutti i moduli della domanda. Tuttavia, i richiedenti possono anche completare l’applicazione alla vecchia maniera. La possibilità online può essere utile per gli espatriati che non sono fluenti in arabo.

Check-up Obbligatorio

Gli stranieri dovrebbero utilizzare le prime settimane del loro soggiorno per superare una visita medica. Di solito comprende un esame del sangue e una radiografia del torace. Alla fine, sono prese le impronte digitali, e il richiedente deve pagare una tassa. Il controllo medico dovrebbe assicurarsi che il paziente non abbia malattie trasmissibili e che sia in grado di fare il lavoro per cui è stato assunto. Per questo controllo, gli espatriati devono visitare il Doha Clinic su Al Mirquab Al Jadeed Street.

Lavorare in Qatar

L’industria petrolchimica, un settore turistico in piena espansione, e i servizi finanziari fiorenti offrono diverse opportunità per gli espatriati che lavorano in Qatar.

Molte aziende dall’estero hanno aperto filiali nel Paese, creando maggiori opportunità di lavoro per i residenti stranieri.

Tuttavia, non è solo l’industria del petrolio e del gas che offre opportunità di lavoro. Dal 2000 il settore del turismo è cresciuto in maniera significativa, sostenuta dal Tourism Authority. Molti espatriati hanno trovato un’occupazione che gli permette di godere delle bellissime spiagge del Paese, del clima subtropicale, e del paesaggio del deserto. La Coppa del Mondo FIFA 2022 porterà ulteriori sviluppi nel settore del turismo, dando agli espatriati e ai cittadini del Qatar ulteriori opportunità di lavoro.

Industria Petrolchimica

La maggior parte delle persone che lavorano in Qatar, però, hanno trovato lavoro nel settore del gas e del petrolio. Dukhan e Ras Laffan Industrial City svolgono un ruolo importante nel settore petrolchimico e hanno contribuito notevolmente allo sviluppo economico del Paese negli ultimi anni.

Ras Laffan è situato a nord di Doha ed è il più grande giacimento di gas naturale al mondo. Dukhan è dove lo sviluppo del settore petrolifero è iniziato, ed è quindi il fondamento della attuale economia del Paese. Oggi Dukhan è, infatti, ancora il centro di produzione on-shore di petrolio in Qatar.

Sanità

Come già detto in precedenza, i cittadini che lavorano in Qatar ricevono automaticamente l’assistenza medica, la copertura per la maternità, la cura dei figli, la pensione statale, e altri tipi di prestazioni sociali. Gli stranieri hanno si accesso a tutti i tipi di strutture mediche, ma non sono ammissibili per nessuno tipo di benefici sociali.

In sostanza, sono i datori che di solito coprono i costi di assistenza sanitaria per i cittadini stranieri in Qatar, fornendo loro assicurazione medica. Se questo non fosse il caso, è necessario investire da soli in una assicurazione sanitaria privata.

Previdenza sociale

Come con l’assicurazione sociale, il governo non offre una pensione statale per gli espatriati che lavorano in Qatar. Tuttavia, le istituzioni governative e le aziende internazionali a volte forniscono regimi pensionistici aziendali dove i loro dipendenti possono contribuire.

Se possibile, si può anche continuare a contribuire al regime pensionistico del vostro Paese d’origine o all’acquisto di un piano di pensionistico personale per il tempo in cui si dovrà lavorare in Qatar.

Fare affari

Gli stranieri hanno migliori possibilità di trovare un lavoro attraverso le agenzie di reclutamento internazionali o attraverso la propria azienda tramite assegnazione estera. Si è cosi’ più propensi a garantirsi uno stipendio nettamente più elevato e a negoziare migliori condizioni di lavoro, rispetto a quelli che cercano di ottenere un posto di lavoro dopo il loro arrivo in Qatar.

Lavoro e datori di lavoro

Quando si tratta di scegliere il giusto datore di lavoro, ricordatevi che le grandi società internazionali, in particolare, offrono grandi benefici per gli espatriati. Gli incarichi di governo, d’altra parte, offrono ore di lavoro più attraenti, con 5 giorni a settimana di lavoro, invece di 5½ o 6 giorni.

Le piccole imprese e start-up non sono la scelta migliore per gli espatriati che si affidano a loro al fine di mantenere il loro permesso di soggiorno. Se la società va sotto, i lavoratori stranieri saranno costretti a lasciare il Qatar e a tornare subito al loro Paese di origine.

Business Etiquette in Qatar

Sebbene in Qatar si sia abituati a trattare con i partner commerciali esteri e a negoziare questioni d’affari in inglese, gli espatriati devono sempre preparare materiale e documenti in arabo. Poiché sono molto orgogliosi del loro patrimonio culturale e della loro tradizione, gli abitanti del Qatar saranno grati se i loro partner commerciali sanno alcune frasi in arabo.

Il ritmo di lavoro è leggermente più lento rispetto a quello che la maggior parte degli espatriati occidentali di solito sono abituati a sopportare. Invece di andare diritto al punto, in Qatar si prende tutto il tempo necessario per stabilire rapporti personali con i propri partner commerciali. Durante queste conversazioni informali, ricordatevi di chiedere come stia la famiglia del vostro partner commerciale, dato che la famiglia ha sempre la massima priorità nella cultura araba. Tuttavia, chiedere subito della la moglie o di altri membri femminili della famiglia di un uomo d’affari del Qatar può essere un passo falso, e deve essere evitato.

Un ultimo punto, che svolge un ruolo importante all’interno del mondo degli affari arabo è il concetto di ospitalità. In Qatar piace invitare i propri partner commerciali nella propria casa per il pranzo o per la cena. Uomini e donne di solito mangiano separati durante questi eventi. Gli stranieri non dovrebbero mai rifiutare qualsiasi cibo o bevanda offerta, come ad esempio il caffè arabico, che viene spesso consumato durante gli incontri di lavoro informali.

Il lavoro al femminile

Le imprenditrici devono essere trattate con il massimo rispetto. Questo significa anche che gli espatriati non devono stringere la mano di una donna, a meno che non sia lei ad offrirsi di farlo per prima. Molte donne del Qatar di solito cercano di evitare di essere sole in una stanza con un uomo diverso dal proprio marito. Gli espatriati devono accettare la scelta di una donna d’affari del Qatar che insiste sulla presenza di un altro uomo nel corso di una riunione privata di lavoro.

Contratti di lavoro

I contratti di lavoro sono un affare complicato. Molti espatriati non ricevono mai un contratto o non arrivano mai a firmarlo. In altri casi, i lavoratori stranieri hanno concordato alcune condizioni solo per scoprire che il loro contratto è stato modificato al loro arrivo in Qatar.

Ogni contratto di lavoro deve essere approvato dal Dipartimento del Lavoro. I contratti possono essere scritti in inglese e in arabo. Non fate affidamento solo sulla versione inglese, in quanto solo quella in arabo è valida per il Dipartimento del Lavoro in caso di disaccordo tra datore di lavoro e lavoratore.

I dipendenti dovrebbero lavorare non più di 6 giorni a settimana. Dopo l’ottava ora, le ore di straordinario devono essere pagate di più, e lavorare per più di 10 ore al giorno è illegale.

In realtà, però, queste norme sono spesso ignorate.

Gli stranieri dovrebbero prestare particolare attenzione quando consultano le agenzie di reclutamento internazionale. In alcuni casi, queste agenzie hanno preso una forte commissione ai futuri lavoratori per averli inseriti all’interno di una società.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione - senza modificare le impostazioni del browser - accetti di ricevere i cookie. Se non desideri ricevere i cookie, modifica le impostazioni del tuo browser, ma sappi che alcuni servizi non funzioneranno correttamente. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close