Home » Filippine

Filippine

Vivere nelle Filippine

Link Sponsorizzati


Vivendo nelle Filippine, potrete godere di una affascinante cultura del sud-est asiatico. Influenzato dal colonialismo spagnolo e statunitense, il modo di vita è davvero unico.

Link Sponsorizzati


La musica è un aspetto particolarmente importante della cultura filippina e della vita quotidiana, come testimoniano le innumerevoli feste locali; spesso di natura religiosa, queste celebrazioni coinvolgono la musica e la danza.

La popolazione

Ci sono circa 107 milioni di persone che vivono nelle Filippine, sparse su circa 2.000 delle 7.107 isole della nazione. La maggior parte della popolazione è ancora molto giovane; l’età media è di 23,5 anni. Un quarto dei residenti che vivono nelle Filippine si sono stabiliti nel centro urbano del Paese, l’area metropolitana Greater Manila. Cebu City e’ ugualmente centro di una grande parte della popolazione.

La diversità culturale del Paese rende la vita nelle Filippine molto attraente. I maggiori gruppi etnici sono i Tagalog (28,1%), i Cebuano (13,1%), e i Ilocano (9%). In termini di religione, la maggioranza della popolazione è cattolica (81%). La minoranza musulmana delle Filippine costituisce solo il 5% della popolazione.

Insieme al Filippino, l’inglese è una lingua ufficiale del Paese ed è comunemente usato, soprattutto in ambienti accademici e professionali. In quanto tale, una buona padronanza della lingua inglese dovrebbe eliminare eventuali barriere linguistiche se deciderete di vivere da queste parti. Infatti, nel 2013 l’Economist ha descritto i Filippini come tra i migliori parlanti di business english di tutto il mondo.

Cercare casa

7.107 isole offrono sicuramente un sacco di stili di vita possibili. Sono disponibili casali rurali, condomini, e camere in appartamenti condivisi. Come quasi ovunque nel mondo, l’alloggio non è ampiamente disponibile nei centri urbani. E l’affitto è anche più alto rispetto alle zone rurali più remote.

Gli affitti sono più alti a Manila. Il modo migliore e più sicuro per trovare un posto dove stare è attraverso raccomandazioni du amici e colleghi. Anche gli annunci su Internet e sui giornali locali sono degli ottimi modi per iniziare. Importanti quotidiani nazionali comprendono Il Philippine Star, The Daily Tribune , o il Manila Bulletin .

Il contratto di locazione tipico per gli appartamenti di fascia superiore dura 12 mesi, e di solito si e’ tenuti a pagare l’affitto per l’intero anno in anticipo, con assegni postdatati. Contratti più brevi non sono comuni per questi tipi di appartamenti.

Il sistema sanitario

I servizi sanitari nelle Filippine sono offerti sia dal settore pubblico che da quello privato. Fornitori privati stanno diventando sempre più comuni e sono prevalenti nelle grandi aree urbane, offrendo una vasta gamma di servizi, dalle farmacie ai centri di maternità agli ospedali.

Purtroppo, le strutture pubbliche sanitarie primarie sono di qualità piuttosto bassa, in particolare nelle zone rurali. Le riforme attuali mirano comunque a migliorare la qualità e la disponibilità dei servizi sanitari essenziali per le persone che vivono nelle Filippine.

Ma, a differenza di altri Paesi asiatici, la spesa di tasca propria per la sanità è aumentata enormemente negli ultimi anni. Allo stesso tempo, la spesa pubblica è diminuita. Cosi’, i pazienti pagano ormai quasi metà delle loro spese sanitarie di tasca propria.

Infatti, i piani di assicurazione pubblica coprono solo i servizi sanitari che hanno costi molto bassi, mentre i pazienti sono lasciati a se stessi riguardo le spese rimanenti.

Medici e ospedali

Sebbene lo standard sia accettabile, potrebbe non essere all’altezza di quello a cui siete abituati se provenite da un Paese occidentale. Tuttavia, anche gli ospedali pubblici di solito hanno personale molto ben addestrato con un’elevata conoscenza della lingua inglese.

Se non siete sicuri quale ospedale, medico o dentista scegliere, chiedete agli amici o colleghi che hanno già vissuto nelle Filippine per un po’ di consigli.

Malattie comuni

Le maggiori malattie infettive di origine idrica sono: diarrea batterica, epatite A e la febbre tifoide. Anche le malattie trasmesse dalle zanzare come la febbre dengue, la malaria e l’encefalite giapponese rappresentano una grave minaccia per la salute.

La tubercolosi colpisce ancora molte persone, a causa della mancanza di assistenza sanitaria accessibile in molte parti del Paese.

Sistema Educativo

Il sistema di istruzione è modellato in gran parte dal sistema educativo americano. C’è la scuola dell’obbligo fino al 6° grado, dopo di che i bambini iniziano a frequentare le scuole secondarie, che durano fino al 10° grado; si passa poi a istituti di istruzione superiore dove, dopo 4 anni, si riceverà’ un diploma.

Gli istituti di istruzione superiore sono generalmente privati o gestiti dalla Chiesa. Poiché la scuola è obbligatoria, il tasso di alfabetizzazione è elevato in tutta la popolazione. Ma, purtroppo, molti bambini lasciano la scuola già’ dopo il 6° grado. In effetti, la durata di scolarizzazione nelle Filippine è la più corta del mondo.

Qualità della Pubblica Istruzione

Le scuole statali sono spesso caratterizzate da grandi classi, una grave mancanza di materiale didattico e di insegnanti mal pagati. Ci sono notevoli differenze regionali per quanto riguarda il numero di bambini che finiscono la scuola. I punteggi dei test di bambini filippini sono al di sotto degli standard internazionali.

Per migliorare la situazione, il governo ha ora promesso cambiamenti significativi. Hanno in programma di costruire più scuole, fornire un migliore materiale didattico e di offrire borse di studio alle famiglie più povere.

Istruzione superiore

Ci sono un sacco di università statali e gli istituti di istruzione superiore. Proprio come le scuole pubbliche, tuttavia, soffrono di basso budget e non possono competere con le istituzioni private. Queste ultime sono finanziate attraverso tasse elevate. Molte famiglie, compresi quelli che appartengono alla classe media, lottano per mandare i figli ad una università o ad un college decente.

Il punto debole reale nel sistema di istruzione filippino, tuttavia, sta nella formazione professionale, perché’ è offerto principalmente da istituzioni private, che non sono cosi’ disponibili come sarebbe necessario.

Sicurezza

Purtroppo gli attacchi terroristici sono ancora possibili, in particolare nell’arcipelago Sulu e su Mindanao, l’isola più meridionale del Paese. Qui hanno luogo la maggior parte degli attacchi islamici radicali. Vi consigliamo quindi di stare alla larga da questa zona.

Anche a Manila c’è un certo pericolo di attacchi e assalti. Il tasso di criminalità è generalmente piuttosto alto, e sono presenti crimini violenti. Inoltre, nelle Filippine sono presenti eruzioni vulcaniche. Terremoti e maremoti, così come gli tsunami, non sono infrequenti. Il Paese è spesso colpito anche da gravi tempeste tropicali.

Pertanto, è importante seguire attentamente le previsioni meteo. Seguite le raccomandazioni ufficiali di sicurezza e non esitate a evacuare una zona a rischio.

Trasferirsi nelle Filippine

L”immensa distruzione operata dal tifone Haiyan (conosciuto localmente come Yolanda) nel novembre 2013, ha tristemente dimostrato che i disastri naturali sono uno dei maggiori rischi per la sicurezza che dovrebbero essere presi in considerazione quando si ha intenzione di spostarsi nelle Filippine.

Geografia e clima

Le Filippine si trovano ad est del Vietnam, tra il mare delle Filippine e il Mar Cinese Meridionale. Con le sue numerose isole, la nazione offre 36.289 km di costa. Il terreno è prevalentemente montuoso con ampie pianure sulla costa. Il punto più alto è il Monte Apo, 2954 m di altezza.

Godrete di un clima marino tropicale tutto l’anno, con la stagione dei monsoni da novembre ad aprile nel Nord-Est e da maggio a ottobre nel Sud-ovest. E ricordate che il Paese si trova nella cintura dei tifoni. Ogni anno, l’arcipelago è infatti interessato da un massimo di 15 tifoni e cinque o sei forti tempeste.

Manila

La città non è solo la sede del governo filippino; con i suoi quasi 12 milioni di persone, è anche un vivace centro commerciale, così come la casa di monumenti storici e scientifici, nonché sede di numerose istituzioni educative. In breve, Manila è il centro politico, commerciale e culturale della nazione, ed e’ il più grande polo di attrazione per gli espatriati interessati a trasferirsi nel Paese.

Il porto di Manila è tra i più frequentati di tutto il mondo, rendendo la città un luogo importante per l’importazione e l’esportazione di merci. Inoltre, diverse zone industriali sono state costruite in tutta la città, creando nuove aree di business. Al momento, il centro commerciale di Manila è Makati.

Manila è una vibrante metropoli, con una popolazione in costante crescita.

Economia

Dal momento che il Paese non si basa troppo sulle esportazioni e sul commercio internazionale, la recessione non ha colpito duro come ha fatto con i suoi vicini nel sud-est asiatico. La forza lavoro delle Filippine conta circa 40 milioni di persone, un terzo dei quali lavorano nell’agricoltura. Gli espatriati che si trasferiscono nelle Filippine hanno pero’ più’ possibilità’ di trovare lavoro nel settore dei servizi, dove trova impiego più della metà della forza lavoro filippina.

Nonostante la forte economia, tuttavia, il 26,5% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. Le Filippine hanno anche un grande debito pubblico, nonostante la sua ben performante economia e il suo PIL elevato. La sua economia, inoltre, dipende molto dal denaro inviato a casa dai lavoratori stranieri.

Resta da vedere come esattamente l’economia nazionale sarà influenzata dai danni causati dal tifone devastante del 2013 e dalla successiva ricostruzione. Fortunatamente la tempesta ha in gran parte risparmiato la regione di Manila, il centro economico delle Filippine. Ma ha invece distrutto innumerevoli campi di canna da riso e da zucchero, che sono importanti colture e prodotti da esportazione. Quindi, oltre a causare la fame e la sofferenza nelle province colpite, la devastazione potrebbe avere un effetto più a lungo termine sulla crescita economica.

Tipi di visto e requisiti

Di seguito elenchiamo i possibili tipi di visto che potete avere per spostarvi nelle Filippine:

  • Un visto turistico è necessario solo per un soggiorno superiore a 21 giorni.
  • Un visto non immigrante è concesso per motivi di lavoro, commerciali, di transito e di studio pre-organizzato. I requisiti variano, ovviamente.
  • Visti Quota immigrati sono rilasciate ai candidati con sufficiente capitale finanziario in possesso di competenze o qualifiche professionali straordinarie a beneficio del Paese. All’anno, sono concessi solo 50 visti quota immigrati.
  • Il visto speciale per i pensionati residenti è un visto non immigrante che consente ingressi multipli e un soggiorno a tempo indeterminato. Per partecipare a questo tipo di visto i candidati del programma devono presentare un “deposito” di circa 50.000 $.

Requisiti Visa

I requisiti necessari per il visto per le Filippine variano sensibilmente, a seconda dello scopo e della durata del vostro soggiorno. Tuttavia, vorremmo darvi qualche esempio. Per richiedere un visto di lavoro, è necessario:

  • Un passaporto valido per almeno 6-12 mesi
  • Due moduli di domanda compilati
  • 2 Foto formato tessera, firmate sul retro
  • Un approfondito rapporto medico (tra cui una radiografia del torace, relazioni di laboratorio e un certificato dichiarante di essere sieronegativi)
  • Il casellario giudiziario
  • Tassa pagata per la presentazione della domanda

Se si applica in qualsiasi altra lingua diversa dall’inglese, ricordatevi che tutto dovrà’ essere tradotto ufficialmente in tale lingua..

Ottenere il permesso di lavoro

Non è sufficiente garantirsi un visto di lavoro prima di trasferirvi nelle Filippine. Infatti, il governo richiede cittadini stranieri non residenti di chiedere un permesso di lavoro (AEP) se hanno in programma di lavorare nel Paese.

Potete candidarvi per un AEP al consolato o all’ambasciata più vicina. Tuttavia, la domanda sarà più efficace se è fatta attraverso il vostro futuro datore di lavoro. Il periodo di validità dell’AEP dipende dalla durata del contratto di lavoro e dalla natura della propria posizione nella futura azienda.

Trasporti

Il modo principale per entrare nelle Filippine è attraverso il Ninoy Aquino International Airport di Manila (NAIA), che vi accoglierà con lunghe code allo sportello immigrazione. Il secondo più trafficato (e molto più bello) aeroporto del Paese è il Mactan-Cebu International Airport di Cebu City, che riceve i voli da Hong Kong, Kuala Lumpur, Singapore, Tokyo e Seul.

Anche il Francisco Bangoy International Airport (DVO) di Davao e il Diosdado Mascapagal International Airport (DMIA) di Angeles City ricevono voli internazionali provenienti da diversi Paesi asiatici.

Viaggi dentro il Paese

Viaggiare via mare è la principale via di viaggio tra le isole, ed e’ e la spina dorsale del sistema di trasporto globale filippino. Praticamente qualsiasi modalità di trasporto via acqua è disponibile; si va dai mezzi ad alta classe, ai traghetti con aria condizionata, ai catamarani fino alle piccole bangkas e pumpboats. Le Bangkas sono piccole imbarcazioni di legno che funzionano tramite motori automobilistici.

Se si preferisce viaggiare via terra, è possibile utilizzare uno dei numerosi servizi di autobus affidabili ed economici, che offrono anche i trasporti da un’isola all’altra. In alternativa, è anche possibile noleggiare una macchina e guidare da soli. Occorre tuttavia tenere presente che il traffico è pazzesco sia a Manila che nelle montagne centrali di Luzon. In altre città e in campagna, la guida sarà’ invece abbastanza piacevole.

I trasporti cittadini

Nella maggior parte delle città, le jeepneys, un incrocio tra una jeep e un bus, sono il principale mezzo di trasporto.

Le Jeepneys viaggiano su percorsi fissi per il prezzo medio di circa 7 pesos. Se si sceglie di percorrere lunghe distanze con una jeepney, cercate di concordare la tariffa in anticipo. Altri modi di trasporto in città sono la metropolitana leggera (a Manila), i tricicli, i furgoni o i minibus.

I tricicli sono molto tradizionali e costano a partire da 5 pesos per ogni viaggio. Questo è il prezzo per la gente del posto; può essere notevolmente più elevato per voi, in quanto stranieri. I furgoni e i minibus stanno diventando una valida alternativa alle jeepneys e agli autobus. Sono gestiti da privati e costano almeno il doppio del prezzo di una jeepney. D’altra parte, sono più lussuosi e sono dotati di aria condizionata.

L’economia

Grazie alla crescente domanda dei consumatori e ad una ripresa delle esportazioni e degli investimenti, il PIL delle Filippine è cresciuto del 6,6% negli ultimi anni. L’economia è sopravvissuta alla recessione del 2008 e del 2009 in condizioni migliori rispetto alla maggior parte dei paesi asiatici, e sta ora vivendo una crescita significativa.

Tutto sommato, ci sono circa 41 milioni di persone che lavorano nelle Filippine, e più di 21 milioni di loro sono impiegati nel settore dei servizi. Altri settori importanti per espatriati che lavorano nelle Filippine sono l’agricoltura e il settore industriale, che impiegano rispettivamente il 32% e il 15% della forza lavoro. Con un tasso di disoccupazione del 7,4%, le condizioni sono decenti.

Ma, nonostante la sua momentanea forte economia, le Filippine hanno un grande debito nazionale e un alto tasso di povertà. Inoltre, il Paese, come già’ detto in precedenza, dipende dal denaro che i filippini lavoratori all’estero inviano a casa dalle loro famiglie. Il governo deve ancora adottare misure per creare incentivi per le persone che hanno voglia di iniziare a lavorare nelle Filippine.

Ma con la calamita’ del 2013, al di là della evidente tragedia umana causata dal disastro naturale, potrebbero volerci anni per ricostruire le infrastrutture nelle zone orientali delle Filippine. Non è del tutto impensabile che i danni della tempesta potrebbero anche ostacolare la crescita del PIL.

Sicurezza sociale

Tutti i lavoratori sono coperti dalla sicurezza sociale. I dipendenti del governo e militari hanno un proprio sistema. Il sistema di sicurezza sociale nelle Filippine copre l’invalidità, il pensionamento, la maternità, la malattia e gli infortuni sul lavoro.

Tasse

Le tasse sul lavoro vengono prelevate con le seguenti percentuali:

  • I dipendenti contribuiscono con il 3,33% dei loro guadagni mensili lordi
  • I lavoratori autonomi contribuiscono con il 10,4% dei loro guadagni mensili lordi
  • I datori di lavoro pagano lo 7,07% della retribuzione mensile lorda del dipendente

Purtroppo, come è il caso con la copertura sanitaria, la copertura previdenziale potrebbe non essere così completa come ci si aspetterebbe. Per questo motivo, può essere utile per gli espatriati che lavorano nelle Filippine continuare a contribuire al loro sistema di sicurezza sociale nativo, o sottoscrivere piani privati.

Business

Nelle Filippine, fare affari è uno sforzo molto personale. Se si prevede di chiudere un affare nelle Filippine o addirittura se si ha intenzione di investire, dovrete portare abbastanza tempo e pazienza. Un’introduzione personale attraverso un amico o un collega è essenziale per stabilire un rapporto con i vostri partner commerciali. Tenete presente che, nelle Filippine, un rapporto d’affari di successo si basa sul contatto personale, sull’interazione umana, e sulla fiducia.

I filippini tengono molto al proprio status, e l’uso dei titoli formali è considerato un modo importante per mostrare rispetto ai vostri partner commerciali e colleghi. A differenza di altri Paesi asiatici, lo scambio di biglietti da visita non è eccessivamente formalizzato, anche se ancora una fase importante. Si dovrebbe, naturalmente, cercare di presentare e ricevere biglietti da visita con entrambe le mani. Includete il titolo e la vostra posizione sui biglietti da visita, per sottolineare l’influenza e lo status che avete.

Quando si inizia a lavorare nelle Filippine, ci sono alcune linee guida che si dovrebbe cercare di seguire per non alienarsi i vostri colleghi o i vostri partner commerciali. Tutto sommato, ci vuole tempo per stabilire un forte rapporto d’affari. Cercate quindi di essere pazienti mentre terrete fede a questi suggerimenti:

  • Cercate di evitare il contatto diretto con gli occhi è considerato estremamente maleducato.
  • Uscite con i colleghi filippini prima e dopo incontri e cercate di stabilire un rapporto personale con loro. Preparatevi a ricevere un sacco di domande personali!
  • Sia gli uomini che le donne dovrebbero sempre vestire in modo appropriato e sobrio sia sul posto di lavoro sia durante le riunioni. Vestirsi bene e di essere orgogliosi di farlo è una parte vitale nell’ottenere il rispetto nelle Filippine.
  • Non siate sorpresi quando i negoziati commerciali richiedono più tempo del previsto; il ritmo di fare business è piuttosto lento nelle Filippine.
  • Assicurarsi di non sottovalutare l’influenza del nucleo familiare e l’effetto che ha sul fare affari.
  • Non alzate la voce o interrompere i vostri partner commerciali; ciò dimostrerebbe una grave mancanza di rispetto.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione - senza modificare le impostazioni del browser - accetti di ricevere i cookie. Se non desideri ricevere i cookie, modifica le impostazioni del tuo browser, ma sappi che alcuni servizi non funzioneranno correttamente. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close